Disfluenza

Con il termine fluenza o fluidità si vuol indicare facilità, regolarità e quantità relativamente abbondante di movimenti o di espressione. Il termine fluenza, se riferito alla parola parlata, fa riferimento alla regolarità, facilità ed abbondanza di emissione di sequenze di parole e frasi sonore e vocalizzate.

Le Turbe del flusso verbale, comprendono principalmente la balbuzie e il cluttering.

A livello mondiale la balbuzie viene definita come un disturbo complesso multifattoriale e multidimensionale determinato da fattori fisiologici, genetici, ambientali, cognitivi, emotivi e linguistici.

La balbuzie è considerata una disfluenza della parola, caratterizzata da prolungamenti di un suono, blocchi, ripetizioni del singolo suono o della sillaba, che interrompono il normale fluire dell’eloquio. Questi rappresentano quelli che vengono definiti sintomi primari della balbuzie. I sintomi primari impediscono al parlante di produrre “ciò che intende dire come lo vorrebbe dire”.

Inoltre possono essere presenti i sintomi secondari, comportamenti che si accompagnano all’eloquio della persona che balbetta (abbassamento dello sguardo, smorfie del viso, movimenti del capo o del corpo).